• Home
  • Detrazioni fiscali 2017

Detrazioni fiscali 2017

Detrazioni fiscali serrature di sicurezza e porte blindate

Il 31 dicembre 2017 è il termine ultimo per ottenere il Super Bonus del 50% sulle ristrutturazioni. Il Super Bonus è applicabile anche a qualsiasi prodotto legato alla sicurezza della propria casa ma anche, più in generale, dei condomini.

La richiesta del bonus può essere richiesta per i seguenti lavori:

  • rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici
  • apposizione di inferriate e grate sulle finestre o loro sostituzione
  • porte blindate o rinforzate
  • apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini
  • installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti
  • apposizione di saracinesche
  • tapparelle metalliche con bloccaggi
  • vetri antisfondamento
  • casseforti a muro
  • fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati

L’acquisto e l’istallazione dei prodotti di sicurezza sopra citati dà diritto alla fruizione dell‘agevolazione fiscale pari al 50% della spesa sostenuta. Queste spese sono detraibili al 50% fino al 31 Dicembre 2017.

Es. Se la spesa affrontata è di € 10.000 entro il 31 Dicembre 2017, si otterrà uno sconto IRPEF dall’anno 2018 di 500 € all’anno ( 5.000 € suddivise in 10 quote; quindi € 500 all’anno).

 Possono usufruire del bonus fiscale:

  • I proprietari di singole unità immobiliari residenziali, ivi compresi i familiari come il coniuge, parenti entro il terzo grado;
  • Parti comuni di edifici residenziali (condomini).

Come usufruire del Super Bonus?

Per avvalersi del beneficio fiscale, si devono eseguire i pagamenti mediante bonifici bancari o postali, indicando:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Per esigenze di semplificazione legate alle tipologie di beni acquistabili, è consentito effettuare il pagamento degli acquisti di mobili o di grandi elettrodomestici anche mediante carte di credito o carte di debito. In questo caso, la data di pagamento è individuata nel giorno di utilizzo della suddetta carta da parte del titolare, evidenziata nella ricevuta telematica di avvenuta transazione, e non nel giorno di addebito sul conto corrente del titolare stesso. Non è consentito, invece, effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento

I documenti da conservare e presentare in fase della dichiarazione dei redditi sono:

  • l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente)
  • le fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.